Nostalgia: turbine di ricordi e sentimenti

Nostalgia è un film che “prende” sia l’attenzione del pubblico, sia il cuore e la mente di chi vive lontano dalla sua Città natale, molto più di quelli che restano e ci vivono distratti, senza rendersi conto del bene e del male che una Città può dare, presi dal tran tran quotidiano e ricordandosi della propria appartenenza solo quando qualcuno cerca di far notare le criticità, contrapponendo bellezze da cartolina.

Come si nota, ho scritto “Città” e non “Napoli” dove il film è ambientato perché la Nostalgia può “prenderti” per qualsiasi luogo dove hai vissuto e Napoli è protagonista nel film come avrebbe potuto essere la parte di ogni Città dove esistono quartieri sovraffollati, degradati, dove la gente si arrangia e la malavita comanda e dove solo l’impegno sociale può aiutare qualcuno a uscire da una spirale che acceca dalle brutture. Eppure chi è stato lontano e  torna dopo anni, sente quel morso dei ricordi, degli affetti, dei posti che ha lasciato e non sempre sono ricordi, affetti e posti stupendi.

Il film è bello, tratto dal romanzo di Domenico Rea, diretto da Mario Martone che cresce professionalmente anno dopo anno, con una fotografia stupenda che si districa tra salite, discese, vicoli stretti, passaggi rumorosi e veloci di moto, catacombe che vivono pur essendo dei morti … Ottima anche la colonna sonora che accompagna tutta la storia ed evidenzia momenti importanti. Ben scelto il cast di attori, veri professionisti che affermano le loro qualità più o meno note a livello nazionale e internazionale: magistrale Pierfrancesco Favino, coerente al personaggio Tommaso Ragno, in crescita continua Francesco Di Leva, i popolari Aurora Quattrocchi e Nello Mascia, i giovani promettenti … La visione del film scorre creando curiosità e perplessità nell’attesa di una risposta alla domanda: “Conviene abbandonare quanto si è costruito nella Città adottiva (compagna, casa, lavoro, abitudini decennali …) e tornare per cercare qualcosa o qualcuno che ormai è nei ricordi oppure conviene trattenere nella memoria il passato e pensare al futuro?

Locandina tratta da web

Tempo libero & prezioso … dal 24 giu

Caldo, afa … perché oziare in casa quando fuori c’è tanto per distrarsi e trascorrere in allegria o con curiosità culturali o musicale … e tanta gastronomia nelle varie sagre? La raccolta dei miei suggerimenti per noi di famiglia e per gli amici che seguono il nostro blog. I consigli su:

WEEKEND Cosa fare

Mostra Lego a MI

Tempo libero & prezioso dal … 17 giugno

Caldo storico. Chi può cercare refrigerio al mare o ai monti e chi deve stare in città … ma non mancano le occasioni per fare tante cose per sfuggire alla monotonia delle quattro pareti e condizionatore. Ho raccolto una serie di suggerimenti, molti anche gratuiti, sul questo link:

Cosa fare nel prossimo weekend

Artur Zmjiewski